MIUR

Lettera ADI al Governo: estendere le misure di proroga per dottorande e dottorandi

Con il peggioramento del quadro epidemiologico e le necessarie conseguenze sul piano della chiusura degli spazi della ricerca ed il blocco della mobilità, la misura di proroga introdotta nel DL Rilancio, già in principio inadeguata, si mostra ancor più insufficiente.  Per questo motivo abbiamo inviato al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro dell'Università e della Ricerca e al Ministro dell'Economia e delle Finanze una lettera in cui chiediamo che siano concessi ulteriori proroghe con borsa, ai dottorandi e alle dottorande di tutti i cicli.

Cancellare il precariato: lettera aperta al Ministro Manfredi

 Il 16 ottobre scorso è stata presentata in Senato la IX Indagine ADI, che ha avuto come focus le condizioni di vita e di lavoro degli assegnisti di ricerca in Italia.  Dallo scenario di estrema precarietà lavorativa e personale fotografato  dall’indagine, emerge con evidenza cristallina l’urgenza di una radicale riforma del pre-ruolo. Con questa lettera aperta, apparsa su ROARS,  l’ADI chiede al Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, interventi strutturali e un piano di investimenti affinché il lavoro delle ricercatrici e dei ricercatori precari, troppo spesso dimenticati dall’agenda politica, venga pienamente riconosciuto e valorizzato. 

PNR 2021-2027: la (non) consultazione di Gaetano Manfredi

pnr-consultazione

La consultazione annunciata dal Ministero a Guida Manfredi sul Piano Nazionale della Ricerca 2021-2027 assume più un sapore burocratico che programmatico e fa emergere proprio la volontà di incanalare in spazi angusti e predeterminati la direzione della ricerca e dei fondi da destinare ad essa nei prossimi anni, a detrimento di un vero percorco di partecipazione e condivisione di obiettivi e riforme del sistema universitario con i soggetti che lo vivono quotidianamente.

Senza confronto con le parti sociali nessuna riforma del dottorato e del postdoc!

manfredi-riforma-universita

Negli ultimi giorni il Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, ha rilasciato dichiarazioni che destano l’interesse di chi, come noi, si batte ogni giorno per i diritti e le prospettive di dottorandi e precari della ricerca. Riteniamo dunque essenziale che il Ministero si confronti con le parti sociali, evitando di chiudersi in un’autoreferenzialità che danneggerebbe tutta la comunità accademica. 

Pagine