La borsa e la vita

La campagna “La Borsa e La Vita”, lanciata da ADI all’inizio dell’autunno e presentata alla sala stampa della Camera il 26 settembre, ha già ottenuto un primo risultato importante, l’adeguamento della borsa di dottorato per recuperare l’importo eroso dall’aumento delle aliquote contributive INPS. Pur giudicando positivamente la misura presa dal governo e dal MIUR, l’ADI non intende certo accontentarsi. È questo anzi il momento di continuare a fare pressione, perché il parlamento integri e rafforzi le misure già prese.

Già ieri abbiamo inviato ai componenti della Commissione Istruzione e Beni Culturali del Senato della Repubblica tre emendamenti, in cui proponiamo di:

  • Esentare dal pagamento delle tasse i dottorandi titolari di borsa di studio;
  • Portare il fondo destinato all’adeguamento della borsa di dottorato da 15 ad almeno 35 milioni di euro, con un aumento della borsa di circa 150 euro mensili;
  • Garantire ai dottorandi senza borsa un budget per la mobilità internazionale non inferiore ad una mensilità della borsa per almeno sei mesi.

Ora abbiamo bisogno del tuo aiuto per far ascoltare la nostra voce nell’aula del Senato. Invia anche tu una mail ai componenti della Commissione Istruzione del Senato per supportare i nostri emendamenti, e chiedere che siano discussi ed approvati nella discussione della Legge di Bilancio 2018!

Per farlo basta compilare i 3 campi in fondo alla lettera e premere Invia.

La lettera

Oggetto: misure a favore del dottorato e della formazione alla ricerca

Onorevole Senatore,

le scrivo per unirmi, insieme a tanti altri dottorandi e dottori di ricerca, alla richiesta di migliorare e rafforzare le misure sulla formazione alla ricerca previste nel DDL Bilancio in discussione in questi giorni nelle aule parlamentari.

Come lei sa, il dottorato di ricerca rappresenta il più alto grado di formazione previsto dal nostro sistema accademico e si consegue dopo un percorso volto all’acquisizione di conoscenze, capacità di organizzazione e autonomia necessarie per svolgere attività di ricerca di alto profilo. Queste caratteristiche fanno di chi lo consegue un portatore di hard e soft skills, un vettore di innovazione in grado di contribuire alla trasformazione e al miglioramento del nostro paese in molteplici ambiti. Dopo 9 anni dall’ultimo aumento, il Governo ha meritoriamente stanziato 15 milioni di euro per l’adeguamento della borsa di dottorato: è dunque giunto il momento di continuare sulla strada intrapresa, e investire con ancora maggiore convinzione sull’innovazione e la ricerca.

Ho letto con attenzione le proposte di emendamento dell’ADI sul dottorato di ricerca e credo possano costituire la base per una rinnovata attenzione della politica all’Università e alla formazione alla ricerca scientifica, per dare a questo paese un futuro all’altezza delle nostre aspettative.

Le chiedo dunque di concedere alle proposte di ADI l’attenzione che meritano, e di farsi loro portavoce nel corso dei lavori parlamentari.

Firma!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

La tua qualifica:

Questo sito non terrà alcuna traccia dei dati inseriti, e li userà unicamente per l'invio dell'email.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com